Archivio mensile:giugno 2014

Il riconoscimento dei professionisti dei Beni Culturali è legge: adesso tocca a noi!

La proposta per il riconoscimento dei professionisti dei Beni Culturali è finalmente legge! 

Dopo la prima approvazione da parte della Camera dei Deputati, la proposta a firma Madia, Ghizzoni, Orfini è approdata al Senato, dove ha subito alcune modifiche prima di essere licenziata e inviata di nuovo al vaglio dei deputati, che hanno infine espresso parere favorevole ieri, 25 giugno 2014. 

Il testo approvato prevede una modifica del Codice dei Beni Culturali, in cui, grazie a questo aggiornamento, viene riconosciuta l’esistenza di figure professionali competenti in materia di beni culturali e viene stabilita l’istituzione di elenchi ministeriali in cui i professionisti saranno iscritti. 

Restano ancora da stabilire, nel decreto attuativo che dovrà essere emanato entro sei mesi, i requisiti per l’iscrizione ai suddetti registri e le ricadute pratiche che l’esistenza di questi registri avranno sull’attività lavorativa dei professionisti del Patrimonio. 

Dopo una lunga battaglia, per la quale dobbiamo essere grati ai parlamentari che si sono battuti per ottenere l’approvazione di questa legge e alle associazioni che hanno lavorato senza sosta per sostenere l’iter legislativo, prima fra tutte L’Associazione Nazionale Archeologi, si passa ora a riflettere sulle modalità di attuazione di questo “riconoscimento”. 

Gli storici dell’arte partono ancora una volta svantaggiati rispetto alle altre categorie (archeologi, archivisti, bibliotecari, ecc.) che vantano una o più associazioni per categoria pronte a difendere le loro prerogative. Se vogliamo provare a contare qualcosa, questo è il momento giusto per unirci, confrontarci, far sentire la nostra voce.

I criteri che verranno adottati nello stendere i requisiti utili all’inserimento negli elenchi tenuti dal Ministero sono argomento spinoso: si tratterà di sancire quale grado di formazione e/o quale tipo di esperienza verrà fatta valere per il riconoscimento della nostra professionalità. E’ quindi giunto il momento di confrontarsi seriamente, di avanzare proposte, di chiedere di prendere parte alla contrattazione e di non subire passivamente delle decisioni che necessariamente interesseranno il nostro futuro lavorativo e, di conseguenza, personale. 

 

Annunci

Comunicato sulla istituzione di 150 tirocini per under 30 nei Beni Culturali

Gli Storici dell’Arte In Movimento sottoscrivono e condividono il comunicato degli Archivisti In Movimento sulla prossima istituzione di 150 tirocini per under 30 nei Beni Culturali.

 

Gli Archivisti In Movimento, in totale sintonia con la posizione di ANA – Associazione Nazionale Archeologi espressa il 15 giugno scorso, condannano la prossima istituzione, annunciata dal ministro dei Beni Culturali Franceschini, di 150 tirocini della durata di 6 mesi per professionisti di età inferiore a 30 anni, da svolgersi in luoghi del patrimonio quali Pompei, l’Aquila, reggia borbonica di Caserta, zone terremotate dell’Emilia, archivi di Stato e biblioteche nazionali, per “realizzare progetti di tutela, fruizione e valorizzazione del patrimonio culturale”. Constatiamo, infatti, che perdura la tendenza, già stigmatizzata da tutti i professionisti dei Beni Culturali in occasione della manifestazione in Piazza del Pantheon del 11 gennaio 2014, a mascherare da formazione l’offerta di cattiva occupazione da parte delle istituzioni pubbliche, al fine di realizzare progetti-vetrina di rilevanza nazionale; cattiva occupazione perché occupa il professionista per 6 mesi in attività di cui non potrà seguire lo svolgimento, frammentando interventi sul patrimonio che avrebbero bisogno di ben altra attenzione e stabilità e precarizzando l’impegno dei singoli, impegno che risulta così improduttivo a fini di crescita lavorativa e professionale. Dal MIBACT si attendono ben altre misure, volte a incentivare la buona occupazione: assunzioni vere, turn-over generazionale, incentivi ai professionisti e alle startup operanti nel settore del patrimonio culturale. Come abbiamo già avuto modo di dire in passato “E’ finito il tempo del meglio di niente”.